Loro a Cernobbio, noi a Corviale

Il forum “L’impresa di un’economia diversa”, organizzato dalla campagna Sbilanciamoci! e da un vasto ventaglio di organizzazioni locali e nazionali, giunge quest’anno alla sua terza edizione. Il forum, organizzato con il patrocinio e il contributo del Comune di Roma, della Provincia di Roma e della Regione Lazio, del Municipio XV e di Sviluppo Lazio ha previsto quattro giorni di discussione articolati in quattro sessioni plenarie, tre tavole rotonde, dieci seminari paralleli, tante riunioni e gruppi di lavoro, con la presenza di numerosi relatori italiani ed internazionali.
Dopo la I edizione di Bagnoli (Napoli), e la II dell’anno scorso a Parma quest’anno abbiamo scelto Roma (quartiere di Corviale) come sede della III edizione del forum.
Roma perchè dal 2006 ospiterà “La Città dell’Altra Economia”, un’esperienza unica in Europa per le pratiche, le esperienze e le iniziative di organizzazioni e imprese che sperimentano e fanno crescere la realtà di un”economia diversa”. Corviale perchè eclatante simbolo, nel nostro Paese, di quelle periferie urbane degradate ed abbandonate per troppo tempo ed ora oggetto di politiche di recupero urbanistico, riqualificazione economica e sociale, sviluppo locale.

Come ogni anno il forum si è svolto nelle stesse date e parallelamente ad un altro seminario, quello dello studio Ambrosetti di Cernobbio, in cui si ritrova il gotha del mondo finanziario e delle imprese italiane ed al quale partecipano imprenditori, leader politici, finanzieri e manager di multinazionali.
Mentre a Cernobbio vengono presentate le ricette più tradizionali dell’ideologia neoliberista (privatizzazioni, riduzioni del welfare, precarizzazione del lavoro, supremazia del mercato, allentamento dei vincoli ambientali) nel forum di Corviale si vogliono far emergere vie ed esperienze diverse ed alternative di sviluppo economico e di un ruolo sociale delle imprese sulla base di valori e politiche come la protezione e il rilancio del welfare, le regole e i diritti del lavoro, il positivo ruolo delle istituzioni e della spesa pubblica, la sostenibilità dello sviluppo, una fiscalità solidale che colpisca rendite e privilegi.
Lo slogan di quest’anno è: “Dall’economia del privilegio alla società dell’eguaglianza”.

Uno slogan che invita a cambiare rotta: da un’economia senza qualità che favorisce le rendite, le classi più ricche, le multinazionali, ad un nuovo modello di sviluppo che promuova equità e diritti e si fondi sulla sostenibilità , la giustizia, la pace.
I temi di quest’anno sono quelli racchiusi nelle sessioni, nei forum paralleli e nelle tavole rotonde: il primo giorno si è discusso delle derive neofeudali dell’economia liberista e di declino economico e sociale (e dei diritti) dell’Italia (con una tavola rotonda serale su “Sviluppo senza progresso”, dedicata a Pasolini); il secondo giorno si è parlato di Europa e di prospettive di un’economia diversa (con una tavola rotonda sulla cooperazione allo sviluppo), il terzo giorno del ruolo dell’intervento pubblico in economia mentre nel pomeriggio si sono svolti i forum paralleli delle organizzazioni aderenti; l’ultimo giorno infine, si è parlato di pratiche ed esperienze di “economia diversa”, di alternative di politica economica per un nuovo modello di sviluppo sostenibile e di qualità . Il 3 settembre, c’è stato anche il concerto-spettacolo di Radici nel cemento.

L’impresa di un’economia diversa si costruisce superando il neoliberismo e rimettendo al centro i valori dei diritti, dell’ambiente, della pace.

L’iniziativa è stata realizzata con il patrocinio e il contributo di:

Comune di Roma
Assessorato alle Politiche per le Periferie, per lo Sviluppo Locale, il Lavoro
Dipartimento XIX
U.O. Autopromozione Sociale
Provincia di Roma Regione Lazio
Assessorato al Bilancio, Programmazione economico-finanziaria e Partecipazione
Municipio Roma XV
Arvalia Portuense
Sviluppo Lazio

 

Se ti interessa puoi scaricare

I documenti per i giornalisti sono disponibili on-line nella sala stampa virtuale sul sito di Metamorfosi.

Share on Facebook0Tweet about this on TwitterShare on Google+0Pin on Pinterest0Share on LinkedIn0Email this to someone

Sbilanciamoci.org I contenuti di questo sito sono rilasciati sotto licenza Creative Commons 3.0
Informativa sull'uso dei cookie
// Powered by Botiq.org