Urgente: scriviamo al presidente Mattarella di rinviare il voto sul CETA

Il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, può esercitare quel ruolo di garanzia necessario allo svolgimento di un processo democratico pienamente inclusivo e rispettoso delle istanze provenienti dalla cittadinanza. Chiediamogli con una lettera di sollecitare il Senato a rinviare il voto sul CETA, che dovrebbe tenersi domani.

L’indirizzo per inviare i messaggi è a questo link

La pagina Facebook del presidente è a questo link

 

Di seguito una bozza di testo da copiare e incollare:

Egregio Presidente della Repubblica,

Le scrivo per esprimere tutta la mia preoccupazione in merito all’imminente voto sul CETA, l’accordo commerciale UE-Canada che il Senato si appresta a ratificare. Come ormai numerose analisi dimostrano, il testo non elimina i rischi di un abbassamento dei livelli di sicurezza alimentare, contiene disposizioni che scoraggiano la tutela dei servizi pubblici e possono investire negativamente i diritti del lavoro. Inoltre, include la presenza di un organismo terzo per la risoluzione delle controversie tra investitori e Stato sbilanciato verso il privato, che potrebbe risultare non in linea con il diritto comunitario. Il CETA non protegge adeguatamente l’agricoltura italiana, tutelando solo in minima parte le indicazioni geografiche che danno forza al Made in Italy. Infine, non contiene disposizioni vincolanti al rispetto delle indicazioni dell’Accordo di Parigi sul clima, favorendo il commercio di combustibili fossili altamente inquinanti e climalteranti. 

Lo stesso Presidente del Senato, Pietro Grasso, ha accolto le preoccupazioni della società civile, del mondo sindacale e dell’ambientalismo dichiarando «comprensibile l’appello ad un esame attendo e scrupoloso delle norme all’attenzione dei Parlamentari».

In base a queste numerose criticità, ritengo urgente un suo intervento a garantire lo svolgimento di un processo democratico pienamente inclusivo e rispettoso delle istanze provenienti dalla cittadinanza e a sottolineare la necessità di un più ampio dibattito sugli effetti del CETA che coinvolga l’opinione pubblica, già esclusa da un processo negoziale fino a questo momento non sufficientemente trasparente.

Share on Facebook0Tweet about this on TwitterShare on Google+0Pin on Pinterest0Share on LinkedIn0Email this to someone

Lascia un commento

Sbilanciamoci.org I contenuti di questo sito sono rilasciati sotto licenza Creative Commons 3.0
Informativa sull'uso dei cookie
// Powered by Botiq.org