TTF e patrimoniale…ma non solo!

IMG_0272“Il problema del cuneo fiscale esiste e non siamo affatto contrari a una parziale defiscalizzazione per le imprese che assumono in particolare donne e giovani o che fanno innovazione e ricerca. Anzi, siamo stati i primi a chiederlo. Basta che sia chiaro che il problema non si risolve senza una vera riforma fiscale. Non è dando qualche sostegno qua e là al sistema delle imprese che si risolve la crisi. Si deve tassare le rendite finanziarie portando la tassazione al 23 per cento, cioè modificando il provvedimento adottato dal governo Monti e comprendendo i derivati. Si deve introdurre una patrimoniale, ovvero andare esattamente nel senso opposto a quello intrapreso con la cancellazione dell’Imu per tutti, anche sui grandi patrimoni e gli immobili di lusso. E infine si devono modificare gli scaglioni IRPEF, ricordando che la tassazione sui redditi è oggi molto meno progressiva di venti anni fa. Ridurre le disuguaglianze sociali è l’unico modo per risollevarci dalla crisi ed evitare l’implosione sociale”.

Così Grazia Naletto, portavoce di Sbilanciamoci! risponde a distanza all’annuncio del ministro Giovannini dal Forum organizzato a Roma, al Teatro Valle Occupato e alla fondazione Lelio Basso. Si tratta della “ControCernobbio”, un forum organizzato su temi economici e sociali dalle 50 e più associazioni coordinate nella rete Sbilanciamoci!’ negli stessi giorni del seminario Ambrosetti. L’appuntamento di tre giorni quest’anno è dedicato al tema “Europa diseguale. Le alternative alla recessione e alle diseguaglianze”.

Share on Facebook0Tweet about this on TwitterShare on Google+0Pin on Pinterest0Share on LinkedIn0Email this to someone

Lascia un commento

Sbilanciamoci.org I contenuti di questo sito sono rilasciati sotto licenza Creative Commons 3.0
Informativa sull'uso dei cookie
// Powered by Botiq.org