L’economia romana e della provincia nella crisi

Ieri è stato presentato a Roma, presso la Fondazione Basso, il Rapporto “L’economia romana e della provincia nella crisi, 2008-2012”, a cura della campagna Sbilanciamoci!. Il Rapporto ricostruisce la reazione del sistema delle imprese e del mercato del lavoro di Roma e provincia di fronte alla crisi economica e finanziaria scoppiata nella seconda metà del 2007, segnalando al contempo criticità e punti di forza del modello di sviluppo del territorio provinciale romano.

Tra le criticità il rapporto segnala in primo luogo la sofferenza del mercato del lavoro, causata dall’impatto della crisi sull’occupazione: la provincia di Roma, che registrava nel 2007 un tasso di disoccupazione del 5,8% raggiunge l’8,5% nel 2011, una percentuale superiore alla media nazionale (8,4%). Un’ulteriore, inequivocabile, indicazione viene dai dati sulla cassa integrazione guadagni (Cig): la provincia di Roma, da circa 4,7 milioni di ore di Cig autorizzare nel 2007, passa a oltre 45 milioni di ore nel 2011.

Se si concentra l’attenzione sulla condizione dei giovani di Roma e provincia il quadro assume contorni ancora più preoccupanti. Nel periodo 2007-2011 il tasso di disoccupazione giovanile (15-24 anni) aumenta in modo netto e costante, fino a raggiungere nel 2011 il 29,1% in Italia e il picco del 36,1% nella provincia di Roma dove più di un terzo della forza lavoro più giovane risulta disoccupata (e ad essere colpite sono soprattutto le giovani donne, 37%). Il fenomeno della disoccupazione giovanile è peraltro oggetto di uno specifico approfondimento nel Rapporto, dedicato all’analisi dei cosiddetti “Neet”, cioè dei giovani d’età compresa tra i 15 e i 29 anni che non studiano, non lavorano e non frequentano corsi di formazione. Anche in questo caso, i segnali sono allarmanti: dal 2008 al 2011 si registra un incremento, pari al 3,4%, del numero dei Neet italiani: si tratta di oltre due milioni e centomila persone (55% donne, 45% uomini).

Il Lazio è la regione che registra l’aumento più significativo dei giovani che non studiano e non lavorano (+6,6% dal 2008 al 2011): il tasso di Neet è passato infatti dal 15% del 2008 al 21,6% del 2011. Qui Neet sono più di 166mila, in maggioranza donne (oltre 92mila). Per quanto riguarda la provincia di Roma, nel 2010 i Neet sono 113.588: il tasso corrisponde complessivamente al 18,3% (15,9% per i maschi, 20,7% per le donne). Inoltre, tra le province del Lazio, è quella romana a registrare la più alta percentuale di Neet adulti – tra i 25 e i 29 anni – sul totale, pari al 46,2%.

Segnali più confortanti vengono invece dal capitolo conclusivo del Rapporto, che ospita l’analisi di sei casi di pratiche imprenditoriali virtuose di Roma e provincia. Anche durante la crisi è possibile condurre “buone imprese”, puntando sulla tutela dell’occupazione e dei salari e sulla formazione continua dei lavoratori e smentendo così il mito liberista secondo il quale la crescita è possibile soltanto con un taglio del costo del lavoro.

Share on Facebook0Tweet about this on TwitterShare on Google+0Pin on Pinterest0Share on LinkedIn0Email this to someone

Lascia un commento

Sbilanciamoci.org I contenuti di questo sito sono rilasciati sotto licenza Creative Commons 3.0
Informativa sull'uso dei cookie
// Powered by Botiq.org