[S]oggetti migranti: dietro le cose le persone

Al Museo Nazionale Preistorico Etnografico “Luigi Pigorini”

[S]oggetti migranti: dietro le cose le persone

14-27 novembre 2012

La sezione “IDEE MIGRANTI” della mostra “[S]oggetti migranti: dietro le cose le persone” accoglie, nel periodo dell’esposizione, le proposte di artisti, ricercatori, associazioni, centri di ricerca, ecc. che hanno partecipato al concorso lanciato dal Museo “Luigi Pigorini” nel luglio 2012.

“IDEE MIGRANTI” è un ampliamento della mostra [S]oggetti migranti e della sua missione: aprire gli spazi museali al dialogo tra diversi attori del territorio nazionale per rafforzare la vocazione del museo ad essere contenitore e catalizzatore di multivolcalità, prospettive critiche, contaminazioni di linguaggi.

Museo Nazionale Preistorico Etnografico “Luigi Pigorini”

• MÚ-TA-MÈN-TI

di Elena Pinzuti

Installazione – Spazio Vetrata

L’installazione nasce dalla mia esperienza di migrante non principalmente nell’aspetto esterno e misurabile di spostamento da un luogo ad un altro luogo,ma nel senso più interno di continua tensione dell’io: “Qualunque cosa tu dica o faccia c’è un grido dentro: non è per questo, non è per questo! E così tutto rimanda ad una segreta domanda: l’atto è un pretesto”… (C. Rebora, “Sacchi a terra per gli occhi“, Poesie Garzanti).

Tensione che è un uscire fuori, un cercare sé, che è la condizione esodale di tutti gli uomini e che nel corpo ha la sua più drammatica e originaria espressione.

• βίος

di Giuseppe Graziosi

Installazione – Spazio Vetrata

Questo lavoro vuole essere un omaggio alla vita, nel senso biologico del termine. Questi piccoli “esseri”, creati dall’unione dei mondi minerali vegetali e animali, sono pronti a volare e a spostarsi nel Mondo, nello spazio, alla ricerca del sole, dell’acqua, della terra dove nidificare e riprodursi. Provengono dalle tombe dei popoli precolombiani o svincolati da alcuni feticci custoditi gelosamente dagli Asmat. Seppur fissi e inanimati comunicano e suggeriscono forza vitale. Si possono immaginare in volo, spinti dalle correnti, leggeri nel loro peso di porfido e legno.

Il piumaggio variopinto li aiuterà a scacciare il maligno, come spauracchi apotropaici porteranno con se la bontà dei culti da cui provengono. Intrappolati nel mondo inanimato delle cose, comunicheranno con i reperti loro affini. Mescolati alle raccolte tribali ne completeranno il percorso, riportando nella contemporaneità, il linguaggio nascosto nei manufatti, “testimonianze culturali” ora docili ora agguerrite, come figlie discendenti dirette della razza umana.

• La Memoria nel Migrare

di Claudia Bellocchi

Installazione – Soppalco Oceania

Se il fenomeno migratorio, nel corso dei secoli si è andato trasformando negli aspetti geopolitici, la Memoria è l’elemento che accompagna tutti i migranti in ogni epoca. Indissolubilmente legato al fenomeno migratorio, è lo sradicamento: non importa da dove si parte o dove si arriva, il sentimento è lo stesso. È dunque nella Memoria che si attiva il processo attraverso il quale il migrante si integra nella nuova realtà, non perdendo la propria identità. Viceversa, collassando nella Memoria, il migrante rimane imprigionato all’epoca in cui viveva ancora nel paese di origine. Memoria e nostalgia: sentimento struggente o rifugio per ricomporre un mosaico personale, un’immagine presente che sintetizza in sé passato e futuro.

• S(h)omewhere

di Ovidiu Leuce

Wall-Collage – Soppalco Oceania

Un wall-collage che sollecita l’attenzione e invita lo spettatore alla riflessione. Un “montaggio delle attrazioni”: immagini accumulate negli archivi personali, foto di famiglia o immagini prese dai media in maniera “random”. L’idea è di mettere in scena una possibile storia collettiva con il sostegno di elementi autiobiografici, ricordi, sentimenti, sensazioni della storia personale come in una sorta di diario visivo. La migrazione, vissuta personalmente dall’artista, nato in Romania e residente a Roma, implica l’idea di frammentazione e fluidità, di collegamento con l’alterità, con gli altri spazi sociali e psicologici, fondamentali nella comprensione della condizione postmoderna.

Per info www.soggettimigranti.beniculturali.it   www.pigorini.beniculturali.it

Share on Facebook0Tweet about this on TwitterShare on Google+0Pin on Pinterest0Share on LinkedIn0Email this to someone
Scarica in versione Pdf

Lascia un commento

Sbilanciamoci.org I contenuti di questo sito sono rilasciati sotto licenza Creative Commons 3.0
Informativa sull'uso dei cookie
// Powered by Botiq.org