RIO +20, Le banche vogliono finanziarizzare anche la natura!

Re:Common critica con forza la Dichiarazione sul Capitale Naturale, resa pubblica nel fine settimana dalle grandi banche e dal settore finanziario a latere del vertice di Rio de Janeiro sullo Sviluppo sostenibile, in quanto la ritiene una risposta totalmente errata alla profonda crisi ecologica che sta vivendo il Pianeta. La Dichiarazione è basata su una valutazione non rispondente alla realtà dei motivi alla base della suddetta crisi e delle altre che stanno caratterizzando questo momento storico.

Gli istituti di credito pretendono una sorta di diritto indiscusso di fare business, che permetta l’accesso a ogni settore della natura e dell’ambiente, identificando e dando un costo a ogni “servizio” e bene che può essere identificato in quegli ambiti. Il tutto con la scusa che il processo di mercificazione aiuterà a porre un limite allo sfruttamento indiscriminato della natura. In questa maniera, come fa notare anche la rete di Ong europee Banktrack, la Dichiarazione diventa l’ennesimo tentativo di promuovere una visione della cosiddetta Green Economy basata sul modello liberista e incentrata sui meccanismi di mercato. Ovvero il risultato che il settore privato sta cercando di ottenere al summit di Rio de Janeiro, spesso e volentieri ricevendo facile sponda dai governi, soprattutto quelli del Nord del mondo.

Una vera Green Economy dovrebbe basarsi su presupposti diametralmente diversi, prima di tutto invertendo la tendenza attuale di mercificare e finanziarizzare ogni bene naturale, riducendo il ruolo dei mercati e del settore finanziario e riconoscendo in modo molto chiaro i limiti del mondo degli affari nell’ambito delle altre sfere della vita delle persone e del Pianeta. C’è inoltre la necessità di rafforzare il controllo democratico sopra i beni comuni naturali del globo.

“Invece di una Dichiarazione sul Capitale Naturale, avremmo bisogno di una Dichiarazione sulla Natura Senza Capitale” ha dichiarato Antonio Tricarico, presente al summit di Rio de Janeiro. “Le banche hanno lanciato un documento basato sul solito approccio volontario e senza alcun impatto positivo sul loro trend attuale di investimenti, quando invece avrebbero dovuto ritirarsi dai settori in cui non hanno diritto di operare. La loro condotta non fa altro che acuire l’attuale crisi ambientale. Si pensi per esempio che Unicredit, la quale promuove la dichiarazione, continua a finanziare a man bassa progetti a carbone e la dark economy. ” ha concluso Tricarico.

Share on Facebook0Tweet about this on TwitterShare on Google+0Pin on Pinterest0Share on LinkedIn0Email this to someone

1 commento per “RIO +20, Le banche vogliono finanziarizzare anche la natura!”

  1. mario scrive:

    Il Valore di cui parla il modo finanziario è una virtualizzazione del Significato.
    La Natura non è virtuale, la Natura ha un Senso.
    Mercificare il Senso non può che essere una perversione.
    Tanto più l’Uomo si allontana dalla Natura, tanto più virtualizza il Senso. In altre parole il mondo finanziario snatura il senso dell’esistenza. Filosoficamente il mondo Finanziario è anti-naturale, segno dei portatori di paure.
    Ma la Natura ristabilirà l’ordine e il Senso. Come? Non non ne ho idea, ma il Tempo lo farà.

Lascia un commento

Sbilanciamoci.org I contenuti di questo sito sono rilasciati sotto licenza Creative Commons 3.0
Informativa sull'uso dei cookie
// Powered by Botiq.org