Monitorare la qualità dello sviluppo nella capitale metropolitana

Oggi è stata presentata a Roma, presso l’Auditorium via Veneto, la ricerca Nuovi indicatori di benessere. Monitorare la qualità dello sviluppo nella capitale metropolitana.

Il lavoro, frutto della collaborazione tra la Provincia di Roma, con la sua azienda in house Provinciattiva, e la Campagna Sbilanciamoci! si propone come percorso per uscire dalla crisi economica e climatica innalzando la qualità della vita sul territorio della Capitale metropolitana.

 All’incontro erano presenti: Nicola Zingaretti – presidente della Provincia di Roma -, Antonio Rosati – assessore alle Politiche finanziarie e di bilancio della Provincia di Roma -, Giulio Marcon – portavoce della Campagna -, Claudio De Vincenti – sottosegretario allo Sviluppo Economico -, Enrico Giovannini – presidente Istat -, Mauro Alessandri – sindaco di Monterotondo -, Maria Teresa Petrangolini – segretaria generale di Cittadinanzattiva e la studiosa Chiara Saraceni.

SINTESI DEI DATI:

Grandi potenzialità frustrate da rilevanti contraddizioni: la ricchezza culturale, la forza economica, il pregio ambientale e la qualità di vita sono valori diffusi ma non uniformi nella provincia di Roma. Pure in un territorio contenuto, per quanto popoloso, la mancanza di una cultura comunitaria e di un governo unitario condizionano negativamente realtà e prospettive del sistema economico e sociale locale. È questo, in estrema sintesi, il quadro che emerge da un’analisi del territorio metropolitano di Roma condotta sulla base di un set di 49 indicatori di benessere.

I sistemi territoriali della provincia di Roma sono stati analizzati sotto sei aspetti: qualità ambientale e inquinamento, organizzazione delle funzioni e della mobilità, presenza di strumenti di produzione e fruizione di cultura e innovazione, condizioni economiche, sistema produttivo e lavoro, condizioni sociali e accesso ai servizi fondamentali, integrazione e partecipazione alle reti socio-politiche.

Una lettura a 360° dei sistemi economici, sociali e territoriali della provincia di Roma, il cui dettaglio e aggiornamento si propone come strumento a sostegno delle scelte di politica pubblica.

Le infrastrutture di Fiumicino e Civitavecchia, l’industria farmaceutica di Pomezia, il sistema logistico di Fiano Romano, il terziario avanzato e la ricerca pubblica e privata di Roma, la capacità di assorbimento di anidride carbonica delle montagne di Subiaco e il modello di comunità locale dell’area dei Castelli: una lettura d’insieme dei territori della Capitale metropolitana ne rende evidente il potenziale in termini di qualità della vita e capacità competitiva.

Oggi tali potenzialità sono frustrate da alcune evidenti contraddizioni:

tra territori con un sistema economico debole ma dove si registra una grande solidità del tessuto sociale (Tivoli e Velletri) e aree dove più robusto è il sistema produttivo ma massima è la concentrazione del disagio sociale (Roma e Pomezia);

dove più ampia è l’offerta di servizi sociali e più facile l’accesso alla casa, più bassa è la frequenza di episodi di criminalità;

la forte concentrazione di attività economiche e di posti di lavoro a Roma e il progressivo trasferimento di persone giovani nell’area metropolitana condizionano negativamente la qualità della vita della popolazione e, in assenza di una diversa organizzazione del territorio, le prospettive di sviluppo della metropoli;

a Fiano Romano e Pomezia vive la popolazione più giovane della provincia e, in generale, il maggior numero di persone in età da lavoro, ma: 1) a Fiano ci sono poche occasioni di lavoro e un’alta incidenza di pendolari (peraltro costretti a condizioni di viaggio inadeguate, sia se scelgono il trasporto collettivo, sia se optano per il mezzo privato); 2) a Pomezia c’è più lavoro (pure al netto della crisi) ma in un contesto socioambientale tra i meno favorevoli della provincia. Sono queste le alternative che si prospettano alle giovani famiglie che non possono scegliere di vivere a Roma;

lo sviluppo economico e le occasioni di lavoro sono più scarsi nelle aree meno dotate di beni relazionali rappresentati dalle nuove tecnologie e dove, più in generale, meno diffusa è la cultura dell’innovazione.

In un mondo in profonda trasformazione, il territorio ha bisogno tanto dei suoi asset valutabili secondo le logiche quantitative del mercato, quanto del suo patrimonio ambientale, sociale e culturale che difficilmente trova traduzione e valorizzazione nel paradigma economico-culturale tradizionale. Ma oggi la qualità dell’ambiente, il modello di società, il sistema culturale (anche con le sue declinazioni tecnologiche) sono fattori di competitività fondamentali, e come tali non solo è giusto ma è conveniente per il territorio nel suo complesso che vengano riconosciuti e remunerati.

In un quadro come quello reso evidente dallo studio, con le disparità da colmare e l’interesse generale (di tutti i territori provinciali) a superarle, fermare la riforma degli assetti istituzionali dentro i confini di Roma Capitale rischia di accentuare molte delle contraddizioni sofferte dal territorio, a svantaggio del benessere di tutti. Ma è davvero necessario attendere la formalizzazione della Città Metropolitana per iniziare a operare in una logica metropolitana con la definizione di vocazioni territoriali e la messa in comune di vantaggi e svantaggi, di esternalità positive e negative?

L’area metropolitana – l’agire delle amministrazioni, ma anche dell’associazionismo e dei corpi intermedi, in senso metropolitano – è un orizzonte chiaro che può dare risposte ai bisogni di cittadini e imprese, visti sia come parti delle rispettive comunità locali (con le relative peculiarità) sia come componenti di un territorio più ampio, organizzato e forte.

C’é bisogno che ciascuno e tutti condividano un’idea comune, contribuiscano in misura delle loro capacità e vocazioni e vedano riconosciuto il loro impegno. Serve ragionare in una logica di compensazioni. Serve ripensare l’area metropolitana come una comunità metropolitana.

Sul sito internet capitalemetropolitana.provincia.roma.it, oltre che consultare i materiali del Progetto strategico, è possibile esprimere un giudizio sui criteri di valutazione e misurazione del benessere.

Sfoglia il rapporto completo

 

Share on Facebook0Tweet about this on TwitterShare on Google+0Pin on Pinterest0Share on LinkedIn0Email this to someone

2 commenti per “Monitorare la qualità dello sviluppo nella capitale metropolitana”

  1. Stefano scrive:

    Scusate ma dove si può trovare il rapporto completo? Magari si può scaricare in pdf o ebook? Grazie

  2. ANTONELLA STAMPACCHIA scrive:

    Sono stata alla presentazione e sono rimasta molto interdetta e sfiduciata come tutte quelle persone che si occupano del “Vero Benessere Comune”. Abbiamo notato solo una semplice raccolta di dati esclusivamente MATERIALI – esistenti – per raggiungere eslusivamente obiettivi PIL. E’ evidente che “I nuovi indicatori del benessere” presentato dalla Provincia di Roma è stato l’ennesimo prodotto di persone che continuano a porsi degli obiettivi incompleti, e pertanto pateticamente obsoleti, facendoli calare “dall’alto” eludendo l’urgenza di vera innovazione strutturale,aumentando, di fatto, lo scollamento tra realtà dei veri bisogni dei cittadini e la politica rappresentata dalle Amministrazioni pubbliche .
    Pensiamo che se invece di “monitorare la qualità dello sviluppo nella capitale metropolitana ” (ben-avere) ci si fosse concentrati sulla “qualità della vita” andando a ricercare nuovi indici del Ben-Essere dei cittadini e non solo con il Ben-Avere. Dai politici ce l’aspettavamo, da sbilanciamoci proprio no.

Lascia un commento

Sbilanciamoci.org I contenuti di questo sito sono rilasciati sotto licenza Creative Commons 3.0
Informativa sull'uso dei cookie
// Powered by Botiq.org