La Legge di Stabilità 2012

Contro la crisi niente, poche misure e sbagliate

Il DDL presentato dal governo lo scorso 14 ottobre per la “legge di stabilità del 2012 è completamente evanescente. Ci sono poche misure e quasi tutte sbagliate ed inique.  Di fronte ad una crisi economica così grave -ha dichiarato Giulio Marcon, portavoce della campagna Sbilanciamoci!- servirebbero ben altre misure con due obiettivi fondamentali: proteggere i redditi e le condizioni materiali di vita di larghi strati del paese e rilanciare l’economia. La riduzione del debito va fatta colpendo i grandi patrimoni, le rendite, i mercati finanziari Tutto questo non c’è nella legge di stabilità”.

La legge di stabilità aumenta i soldi alle scuole private (+242 milioni) e alle università private (+20 milioni), taglia più di 1000 posti di lavoro (bidelli, segretari/e) nella scuola e dà solo pochi milioni per il diritto allo studio, toglie 1 miliardo agli ospedali (da ristrutturare e bisognosi di manutenzione), dà altri soldi all’autotrasporto privato e toglie risorse (-60 milioni) alla polizia e alle forze di sicurezza. Però – grazie ai maggiori incassi derivanti dall’asta per le frequenze 4G- rimpingua le casse del ministero della Difesa e porta a 700 milioni gli stanziamenti per le missioni militari all’estero. E non poteva mancare una gabella per chi cerca un lavoro: sarà introdotta una tassa (15 euro) per chi partecipa ai concorsi pubblici.

“Si tratta -ha continuato Marcon- di scelte profondamente sbagliate e inique: si tolgono soldi al welfare e ai cittadini e si danno soldi ai militari e alle scuole private, mentre le scuole pubbliche sono senza risorse e tanti studenti bisognosi e meritevoli non possono avere accesso all’università, perchè non ci sono i fondi per le borse di studio.”.

La campagna Sbilanciamoci! ribadisce le sue proposte – tassa patrimoniale e sulle rendite, riduzione delle spese militari, cancellazione delle grandi opere per finanziare il rilancio dell’economia, salvaguardare i redditi e difendere il welfare- che daranno vita ad una vera e propria “controfinanziaria” che sarà presentata il prossimo 22 novembre a Roma.

Sbilanciamoci invita inoltre a scaricare il volantino “Contro la crisi, per la giustizia” (con le proposte della campagna) su www.sbilanciamoci.org, da inviare al ministro dell’economia, GiulioTremonti.

Share on Facebook0Tweet about this on TwitterShare on Google+0Pin on Pinterest0Share on LinkedIn0Email this to someone

2 commenti per “La Legge di Stabilità 2012”

  1. […] Leggi inoltre l’articolo di Sbilanciamoci […]

  2. […] finanziari Tutto questo non c’è nella legge di stabilità” – sottolinea Giulio Marcon, portavoce della campagna Sbilanciamoci!. “Il disegno di legge presentato dal governo lo scorso 14 ottobre per la ‘Legge di stabilità […]

Lascia un commento

Sbilanciamoci.org I contenuti di questo sito sono rilasciati sotto licenza Creative Commons 3.0
Informativa sull'uso dei cookie
// Powered by Botiq.org