Per un pride del sociale





Per un pride del sociale

Insieme con i cittadini per un percorso di dignità, di diritti e giustizia

Roma accogliente, solidale, vivibile

17 febbraio 2011  ore 15

scalinata del Campidoglio

Siamo donne e uomini dei servizi pubblici, della cooperazione sociale, dell’associazionismo e del volontariato. Il nostro lavoro è ascolto, accoglienza, fiducia, rispetto, azione sociale e promozione del benessere. Nella nostra attività incontriamo e coinvolgiamo i cittadini, in particolare gli emarginati, i poveri, gli anziani, i malati, bambini e ragazzi, i diversamente abili e chi in qualche modo “fa fatica”.

Chiamiamo tutti i cittadini a difendere questo sistema di servizi, attività e interventi sociali distribuiti su tutto il territorio metropolitano. E’ un patrimonio indispensabile per la città che garantisce quotidianamente interventi di cura, sostegno e diritti.

Le politiche della Giunta Alemanno stanno distruggendo tutto questo:

  • Meno risorse per l’assistenza domiciliare e rischio di chiusura dei servizi per i minori (ludoteche e centri ricreativi estivi)
  • Diminuzione di posti negli asili nido, riduzione delle risorse per la prevenzione del disagio (sportelli di ascolto, unità di strada)
  • Riduzione dei servizi rivolti ai cittadini immigrati, dei servizi per la promozione culturale e sociale, dei servizi rivolti agli anziani
  • Ritardo cronico dei pagamenti dei servizi e prestazioni sociali
  • Esclusione dei Municipi e del Terzo Settore (associazioni, cooperative, volontariato) dalla pianificazione programmazione e progettazione dei servizi sociali
  • Affidamento di mega appalti alle grandi organizzazioni (Croce Rossa Italiana)  e progressiva riduzione della presenza delle associazioni, cooperative e  volontariato

Non vogliamo che tutto si  trasformi in pura carità o assistenzialismo.

Non vogliamo che gli interventi sociali siano ridotti alla monetizzazione delle prestazioni individuali.

CHIEDIAMO:

o   Più risorse sul bilancio comunale per le politiche sociali, culturali e di promozione del benessere, per sviluppare e qualificare il sistema dei servizi decentrato nei territori;

o   Riconoscimento del ruolo del Terzo Settore (associazioni, cooperative, volontariato) e il suo coinvolgimento attivo nella programmazione e progettazione dei servizi;

o   Riconoscimento della centralità dei territori e delle politiche municipali attraverso un tavolo permanente di coordinamento sulle politiche sociali tra Comune e Municipi;

o   Riconoscimento della dignità e professionalità del lavoro sociale attraverso l’adeguamento delle tariffe per l’erogazione di servizi di maggiore qualità.

Vogliamo una politica che metta come priorità la lotta alla solitudine e all’emarginazione, la prevenzione del disagio, la promozione del benessere  e affermi i diritti sociali per tutti.

Vogliamo una politica che promuova la partecipazione di tutti e non si riduca a mera burocrazia e meschini e miopi interessi di parte.

 

Promuovono: CNCA Lazio, ass. Città Visibile, ARCI, CodEA, Roma Social Club, Forum del Terzo Settore del Lazio, Lab 3 settore, R@cult, Cemea del Mezzogiorno, Uisp Roma,  Comunità Capodarco, Focus casa dei Diritti Sociali, Arciragazzi, Arcisolidarietà, Parsec, Coop il Cammino, Coop Assistenza e Territorio, Coop Eureka1, Coop Cecilia, Ass. Grid, Centro Rampi, Coop Ermes, Ass Il Laboratorio, Ass Il Cenacolo, Obiettivo Uomo, Coop ABC Sos, Coop Stand Up, Action Diritti, Ass Antropos, Coop L’Apis 

Share on Facebook0Tweet about this on TwitterShare on Google+0Pin on Pinterest0Share on LinkedIn0Email this to someone

Lascia un commento

Sbilanciamoci.org I contenuti di questo sito sono rilasciati sotto licenza Creative Commons 3.0
Informativa sull'uso dei cookie
// Powered by Botiq.org