FLARE (Freedom, Legality And Rights in Europe) arriva a Bruxelles

FLARE – Freedom, Legality And Rights in Europe è un percorso per la costruzione di un network finalizzato alla cooperazione tra le organizzazioni della società civile nella lotta contro le mafie e le criminalità organizzate transnazionali che ha nel corso di quest’anno realizzato tre appuntamenti che simbolicamente hanno abbracciato tutta l’Europa da Berlino passando per Cracovia e finendo a Bari. L’idea iniziale del Programma FLARE nasce dalla realtà di Libera. Associazioni, nomi e numeri contro le mafie, e da Terra del Fuoco, ONG di Torino. A Bruxelles, dal 7 all’11 giugno 2008, nella sede del Parlamento Europeo ci sarà la consacrazione politica della Rete e l’ultima fase del programma che, tra le attività, prevede la firma dell’atto costitutivo e dello statuto e la definitiva consacrazione anche formale del network.

Ultima tappa per la creazione del network europeo contro le criminalità organizzate

FLARE – Freedom, Legality And Rights in Europe è un percorso per la costruzione di un network finalizzato alla cooperazione tra le organizzazioni della società civile nella lotta contro le mafie e le criminalità organizzate transnazionali che ha nel corso di quest’anno realizzato tre appuntamenti che simbolicamente hanno abbracciato tutta l’Europa da Berlino passando per Cracovia e finendo a Bari.

L’idea iniziale del Programma FLARE nasce dalla realtà di Libera. Associazioni, nomi e numeri contro le mafie, e da Terra del Fuoco, ONG di Torino.

Ad oggi gli aderenti a FLARE sono circa 50 associazioni e organizzazioni non governative, impegnate nel campo della cittadinanza attiva, della promozione giovanile, della lotta allo sfruttamento delle donne e dei minori a fini sessuali, della protezione ambientale, del rispetto dei diritti umani, della lotta alla corruzione, dell’assistenza ai migranti e ai rifugiati. Le loro aree di provenienza sono Europa, bacino del Mediterraneo, Federazione Russa, area caucasica, penisola balcanica, per un totale di circa 30 diversi paesi.

Il percorso proposto da FLARE permetterà agli aderenti al network di acquisire gli strumenti per esercitare pressioni sociali sui processi legislativi a livello locale ed europeo, per organizzare campagne di sensibilizzazione, per avviare collaborazioni tra associazioni-membre del network, con progetti comuni, scambio di buone pratiche e know how.

FLARE prevede quattro appuntamenti (Berlino, Cracovia, Bari, Bruxelles) nel corso di un anno, da novembre 2007 a giugno 2008. Al termine di tali tappe, gli aderenti al network europeo saranno chiamati a partecipare all’ultimo incontro a giugno presso la sede del Parlamento Europeo di Bruxelles in cui verrà lanciata la rete europea per l’affermazione dei valori di legalità e di contrasto alla criminalità organizzata.

La prima tappa si è svolta a Berlino dove, in occasione del 18° anniversario dalla caduta del Muro, i circa 100 partecipanti si sono incontrati e hanno condiviso gli obiettivi futuri del network. Dal 15 al 20 gennaio 2008 si è svolta la seconda tappa in Polonia. A pochi chilometri da Cracovia, si trova il campo di Auschwitz-Birkenau, il luogo simbolico della negazione dei diritti inalienabili dell’uomo. 200 partecipanti hanno visitato il campo per riflettere sull’importanza diritti umani.

Nella terza fase tutti i partecipanti si sono incontrati a Bari dall’ 11 al 16 marzo 2008, per offrire il proprio contributo all’interno dei laboratori che hanno visto la partecipazione di esperti internazionali. Tutti i partecipanti hanno preso parte alla discussione su tutti gli argomenti proposti nelle tappe precedenti utilizzando un sistema di voto elettronico. E’ stato redatto un documento ufficiale contenente principi, obiettivi e proposte per la costituzione della Rete Europea e la bozza dello statuto del futuro network. Il 15 marzo i giovani hanno partecipato alla ”Giornata della memoria e dell’impegno in ricordo delle vittime delle mafie”. Il giorno precedente, il 14 di marzo, i partecipanti a FLARE hanno incontrato i parenti delle vittime per stringere un gemellaggio con gli stessi assumendosi l’impegno di portare le loro storie al di fuori dei confini italiani.

A Bruxelles, dal 7 all’11 giugno 2008, nella sede del Parlamento Europeo ci sarà la consacrazione politica della Rete e l’ultima fase del programma che, tra le attività, prevede la firma dell’atto costitutivo e dello statuto e la definitiva consacrazione anche formale del network.

Share on Facebook0Tweet about this on TwitterShare on Google+0Pin on Pinterest0Share on LinkedIn0Email this to someone

Lascia un commento

Sbilanciamoci.org I contenuti di questo sito sono rilasciati sotto licenza Creative Commons 3.0
Informativa sull'uso dei cookie
// Powered by Botiq.org