“Un mondo più giusto è l’unico mondo possibile!”

Appello degli Stati Generali della Cooperazione: "Come cittadini italiani facciamo appello al senso di responsabilità ed alla lungimiranza delle Istituzioni affinché sappiano esprimere una nuova politica di solidarietà e di cooperazione internazionale che metta finalmente al centro di ogni sua azione la persona umana e i suoi diritti fondamentali. Una nuova politica che abbandoni il paradigma esclusivo del profitto e della crescita economica indiscriminata e che promuova uno sviluppo proteso al miglioramento delle condizioni di vita nel loro insieme e non solo della dimensione economica."…

Appello alle istituzioni e al mondo della politica:
Un mondo più giusto è l’unico mondo possibile!

Come cittadini italiani facciamo appello al senso di responsabilità ed alla lungimiranza delle Istituzioni affinché sappiano esprimere una nuova politica di solidarietà e di cooperazione internazionale che metta finalmente al centro di ogni sua azione la persona umana e i suoi diritti fondamentali. Una nuova politica che abbandoni il paradigma esclusivo del profitto e della crescita economica indiscriminata e che promuova uno sviluppo proteso al miglioramento delle condizioni di vita nel loro insieme e non solo della dimensione economica.

L’iniqua distribuzione delle risorse a livello mondiale, il mancato rispetto dei diritti fondamentali della persona e delle comunità, lo sfruttamento incontrollato e insostenibile delle risorse naturali, costituiscono una grave minaccia alla sicurezza di ciascuno di noi che non è più possibile ignorare. E’ necessario e urgente un profondo cambiamento che crei le condizioni per un mondo più giusto, probabilmente l’unico mondo possibile.
Riteniamo che la solidarietà internazionale tra i popoli debba essere alla base delle politiche nazionali e internazionali dell’Italia, in coerenza con gli obiettivi sanciti dalla Costituzione per la realizzazione della Pace e della Giustizia tra i popoli. Le politiche e le attività di cooperazione allo sviluppo, basate sul legittimo protagonismo delle popolazioni e delle istituzioni del Sud del mondo, devono costituire la principale manifestazione della solidarietà internazionale del Paese. A tal fine è fondamentale la piena partecipazione anche nei processi decisionali, delle rappresentanze di tutte le componenti della società civile, del Nord e del Sud del mondo, attive nella solidarietà e nella cooperazione internazionale.

Per dare attuazione a questa nuova cooperazione è urgente e indispensabile sviluppare politiche coerenti garantendone l’adeguato finanziamento, nel rispetto degli impegni assunti con la Comunità internazionale dal nostro Paese (ad esempio gli Obiettivi di Sviluppo del Millennio, il Protocollo di Kyoto, gli accordi per la Cancellazione del Debito).

Per questo chiediamo al Governo ed al Parlamento italiano di adottare ogni misura atta a promuovere questa nuova politica di solidarietà e cooperazione internazionale ed in particolare di:
Assicurare con la Legge Finanziaria 2008 il rispetto di questi principi e le risorse necessarie alla sua piena attuazione, confermando, come minimo, le previsioni del Documento di Programmazione Economica e Finanziaria approvato per gli anni 2008-2010.

Approvare in tempi brevi una legge di riforma della cooperazione allo sviluppo che rispetti pienamente questi principi, dotata degli strumenti, dei mezzi e delle risorse necessarie alla sua piena attuazione.

Cosa puoi fare tu ?

  • Sottoscrivere questo Appello presso le nostre postazioni oppure sul sito www.statigeneralisc.it
  • Promuovere la mobilitazione nazionale diffondendo questo appello e chiedendo ai tuoi amici di sottoscriverlo.
  • Partecipare alla mobilitazione a Roma il 30 Ottobre, in Piazza Montecitorio (davanti al Parlamento) alle ore 10.30 per chiedere di persona alle istituzioni che non ignorino questo appello.

Gli Stati Generali della Solidarietà e della Cooperazione Internazionale sono un’esperienza innovativa, inclusiva ed efficace di riflessione sulle ragioni e le caratteristiche della cooperazione. Raggruppano oltre 150 realtà a livello nazionale tra quanti sono attivi, a diverso titolo, nella solidarietà e cooperazione internazionale. L’obiettivo comune è quello di promuovere in Italia la cultura della solidarietà tra i popoli e una nuova politica di cooperazione internazionale che metta al centro gli esseri umani e il loro diritti fondamentali.

Ad oggi fanno parte degli Stati Generali:
ABC solidarietà e pace ONLUS, Actionaid International, ACLI, ACSA, AFFI, Casa Internazionale delle donne, AIAB, AIFO, AINRaM Associazione Internazionale Noi Ragazzi del Mondo, Capodarco, Altri Mondi, AMREF, ANS-XXI onlus, ANSPS – Associazione Nazionale di Solidarietà con il Popolo Sahrawi, Associazione Medina, Ass. per la Pace, Associazione Punto di Partenza, Ass. Umanista Reciprocità, Associazione Viedimezzo, ARCI-ARCS, ASAL, Associazione ADL a Zavidovici, Associazione Ong Italiane, Associazione Umanista Energia Per i Diritti Umani onlus, Auser Nazionale, Azimut, Campagna Mine, Campagna ONU No Excuse 2015, Campagna Sdebitarsi, Campagna Un’altra alimentazione contro la fame è possibile, Centro Studi Difesa Civile, CESTAS, CESVI, CGIL, Chiama l’Africa onlus, CIES, CINI – Coordinamento Italiano Network Internazionali, CIPSI, CISL, CISP, CIRPS Sapienza, Centro Nord Sud, Coalizione Italiana Contro la Povertà, COCIS, Consiglio Nazionale Disabilità, Coop. Armadilla, Coordinamento Italiano Lobby Europea delle Donne, Coordinamento nazionale Enti Locali per la pace e i diritti umani, COSPE, COSV, CRBM, CRIC, CRT Scenamadre, CTM Altromercato, Dialogo Roma, Differenza Donna, DPI Italia, Economia Alternativa, EIP Italia, Fair, FairTrade Italia, Federparchi, FISH Campania / Federhand onlus, Fondazione Pangea, Formin, Forum SAD, Forum Terzo Settore, Green Cross Italia, GUS, ICEI, ICS, IMAGINE onlus, IMED – Istituto per il Mediterraneo, Impegnarsi Serve, Intersos, IPSIA, ISCOS – CISL, ISTISSS, Istituzione Centro Nord Sud della Provincia di Pisa, Jane Goodall Institute Italia, La casa di Ibrahima, La Gabbianella, Lega per i diritti dei popoli, Legambiente, Le impronte degli uccelli 2, Lilliput, LTM Gruppo Laici Terzo Mondo, LVIA, Lunaria, MagicAmor Onlus, Mais, Mani Tese, Marevivo, Mingha Africa onlus, Mo.V.I. – Movimento di volontariato Italiano, Movimento Enzimi di Pace / Scuola di Pace, Movimondo, NO.DI, Osservatorio Italiano sull’Azione Globale contro l’AIDS, Osservatorio sui Balcani, Paralleli – Istituto Euromediterraneo del Nord Ovest, Pax Christi, Peace Games Uisp, Peace Generation, Più Vita Onlus, PRO.DO.C.S., Progetto Sud, Progetto Sviluppo, RECOSOL – Rete dei Comuni Solidali, Reorient, Ricerca e Cooperazione, Risorse Per Roma-RPR, RiL – Rete Informativa Latinoamericana, Riserva Naturale Monterano, SAL – Solidarietà America Latina, SAP, Save the Children, Sbilanciamoci, Segretariato Permanente Premi Nobel per la Pace, SCI, Selvas, Seniores Italia, SOS BLU, Tabanka, Tavola della Pace, Terra Nuova, Terre Madri, Terres des Hommes, Tilicho Ong/Onlus, Tradewatch, Trama di Terre, Ucodep, Un ponte per…, Unione degli Studenti, Università Roma Tre, Upter, VIS, Voci della Terra, Volontari Dokita, Volontari nel mondo – FOCSIV, World Friends, WNairobiW, WWF, YAP Italia.

Per ulteriori adesioni: statigeneralics@yahoo.it

Share on Facebook0Tweet about this on TwitterShare on Google+0Pin on Pinterest0Share on LinkedIn0Email this to someone

Lascia un commento

Sbilanciamoci.org I contenuti di questo sito sono rilasciati sotto licenza Creative Commons 3.0
Informativa sull'uso dei cookie
// Powered by Botiq.org