Il Ddl su obiezione di coscienza è legge


da Vita (redazione@vita.it)

25/07/2007

La commissione Difesa del Senato, in sede deliberante, ha approvato oggi all’unanimita’ il disegno di legge numero 1556 in materia di obiezione di coscienza
La commissione Difesa del Senato, in sede deliberante, ha approvato oggi all’unanimita’ il disegno di legge numero 1556, gia’ approvato dalla Camera dei deputati, in materia di obiezione di coscienza, ”che diventa cosi’ legge dello Stato".

Ne da’ notizia il senatore Sergio De Gregorio, presidente della commissione Difesa del Senato. "Nella nuova normativa, che modifica parzialmente la legge numero 230/1998, che disciplinava l’obiezione di coscienza e che necessitava di un adeguamento normativo, in considerazione della sospensione della leva obbligatoria -ha aggiunto De Gregorio- e’ previsto che non costituisca impedimento all’esercizio dell’obiezione di coscienza il possesso di licenze o di autorizzazioni relative ad armi e materiali esplodenti non dotati di significativa capacita’ offensiva”.

”E’ inoltre sancito che l’obiettore ammesso al servizio civile, decorsi almeno 5 anni dalla data in cui e’ stato congedato, secondo le norme previste per il servizio di leva, possa rinunciare al proprio status presentando apposita dichiarazione irrevocabile. A chi optera’ per tale rinuncia, comunque, non si applicheranno i divieti previsti a carico degli obiettori (quali partecipare ai concorsi nelle Forze armate, ad esempio), ma restera’ comunque ferma -conclude De Gregorio- la possibilita’ di essere richiamati in caso di mobilitazione".

Share on Facebook0Tweet about this on TwitterShare on Google+0Pin on Pinterest0Share on LinkedIn0Email this to someone

Lascia un commento

Sbilanciamoci.org I contenuti di questo sito sono rilasciati sotto licenza Creative Commons 3.0
Informativa sull'uso dei cookie
// Powered by Botiq.org