14 aprile, Firenze: “Spese militari e commercio di armi sotto controllo”

E’ partito a Febbraio il percorso “Territori disarmanti” col quale si sta cercando di intraprendere un lavoro di approfondimento serio e di elaborazione politica sulle tematiche riguardanti gli armamenti. Un percorso che fa tappa in diverse città italiane, dove alcuni Enti Locali hanno deciso di mettersi in gioco per osare concrete iniziative di disarmo. La tappa fiorentina del 14 aprile si incentrerà su due temi assolutamente fondamentali in quest’ottica: le spese militari e il commercio delle armi.

Spese militari e commercio di armi sotto controllo
Giornata di incontro e di confronto

Firenze – 14 aprile 2007 – Salone de’ Dugento
Palazzo Vecchio

Il movimento per la pace e per il disarmo si è rimesso…in movimento! E’ partito a Febbraio il percorso “Territori disarmanti” col quale si sta cercando di intraprendere un lavoro di approfondimento serio e di elaborazione politica sulle tematiche riguardanti gli armamenti. Un percorso che fa tappa in diverse città italiane, dove alcuni Enti Locali hanno deciso di mettersi in gioco per osare concrete iniziative di disarmo.
La tappa fiorentina del 14 aprile si incentrerà su due temi assolutamente fondamentali in quest’ottica: le spese militari e il commercio delle armi.

E’ possibile sperare in una prossima finanziaria che veda aumentare spese sociali e per gli enti locali diminuendo invece quelle militari? Esistono degli strumenti per mettere dei vincoli al commercio indiscriminato degli armamenti? Come poter trasformare le produzioni dal bellico al civile? Quale ruolo possono avere in questo i movimenti, e quale
comuni, province e regioni?

Intorno a questi interrogativi ci ritroveremo sabato 14 aprile in Palazzo Vecchio, ascoltando i massimi esperti nazionali, discutendo e confrontandoci in piccoli gruppi di lavoro e presentando proposte e domande agli interlocutori politici.

Programma completo

Saluti ed introduzione alla giornata

E. Cruccolini
Presidente del Consiglio Comunale di Firenze

A. Panerai
Gruppo fiorentino Territori Disarmanti

Sessione di approfondimento tematico: riflessioni guidate

Industria bellica toscana: esperienze e prospettive di riconversione
C. Bonaiuti – Ricercatrice IRES Toscana
Alessio Gramolati – Camera del Lavoro di Firenze

Il commercio internazionale delle armi: serve un controllo
C. Gramizzi – GRIP Bruxelles
F. Vignarca – Coordinatore Rete Italiana per il Disarmo

Ridurre le spese militari: il bilancio che vorremmo
T. Rondinella – Campagna Sbilanciamoci!
M. Paolicelli – Presidente Associazione Obiettori Nonviolenti

ore 11.30 – Pausa caffè equo e solidale

Suddivisione in gruppi di lavoro sui temi esposti nel corso della mattinata

ore 14.00 – Pausa pranzo

Esposizione delle riflessioni condotte dai gruppi di lavoro: Referenti dei tre diversi gruppi

Dibattito a più voci -Armi e disarmo: ragioni politiche e sollecitazioni etiche

Moderatore: R. Bagnato – Vita

Sen. S. Pisa – Commissione Difesa del Senato
Sen. L. Forcieri – Sottosegretario alla Difesa
On. A. Gianni – Sottosegretario allo Sviluppo Economico
Don R. Sacco – Pax Christi – Comitato novarese contro gli F35
G. Beretta – Coordinatore Campagna Banche Armate
G. Alioti – FIM-Cisl

a seguito del dibattito, per continuare la riflessione ed arricchirla, sono previsti interventi di

F. Chiavacci – ARCI Firenze
S. Marini – Enti Locali per la Pace
S. Amura – Rete del Nuovo Municipio
A. L’Abate – Fucina per la Nonviolenza
Esponente del Comitato Fermiamo la Guerra
Esponenti degli Studenti di Sinistra
Esponenti della commissione Pace del Consiglio Comunale di Firenze

Conclusioni e proposte

Al termine della giornata di incontro e confronto: festa per le vie del centro con musiche e balli
popolari a cura dei Fiati Sprecati e La Taranta

Share on Facebook0Tweet about this on TwitterShare on Google+0Pin on Pinterest0Share on LinkedIn0Email this to someone

Lascia un commento

Sbilanciamoci.org I contenuti di questo sito sono rilasciati sotto licenza Creative Commons 3.0
Informativa sull'uso dei cookie
// Powered by Botiq.org