RENDITE FINANZIARIE: UNA SCELTA SBAGLIATA DEL GOVERNO


di Giulio Marcon

La scelta del governo di non procedere all’innalzamento dell’imposizione fiscale dal 12,5 al 20% alle rendite finanziarie è un grave errore, che lascia stupiti e delusi. Sembrava che finalmente si procedesse anche in Italia ad una maggiore giustizia ed equità fiscale. Così non è stato. Rimarremo ancora nella situazione nella quale un pensionato con un conto corrente bancario paga più tasse (27%) sugli utili di un qualsiasi affarista o speculatore che guadagna vendendo le sue azioni (tassate al 12,5%).

L’uniformazione dell’aliquota al 20% era un modo per rendere giustizia sociale e dare un senso di equità, facendo pagare di più chi gioca su transazioni finanziari ed operazioni speculative. Ci saremmo allineati alle misure già in vigore in molti paesi d’Europa. Così non è stato. E’ una decisione che tradisce le promesse del programma dell’Unione e quanto già deciso in finanziaria.

Si tratta di un segnale preoccupante anche per il futuro. Troppo spesso ormai –di fronte ai dati confortanti di questi mesi sulle entrate fiscali- si prefigura un taglio delle tasse ed altri provvedimenti che rischiano di essere solo populisti e propagandisti. L’Italia ha due emergenze sul fronte delle politiche fiscali: la lotta all’evasione (e qui qualche risultato lo si sta ottenendo) e la giustizia e l’equità fiscale. L’innalzamento della aliquota delle rendite era un modo per andare in questa direzione. Si è mancato l’appuntamento, ma Sbilanciamoci! tornerà a riproporlo con forza. Le tasse non sono una condanna, ma uno strumento di coesione sociale, di ridistribuzione e  di garanzia ai cittadini di un Welfare degno di questo nome. E’ ora che lo capisca anche il governo di centro-sinistra.

Share on Facebook0Tweet about this on TwitterShare on Google+0Pin on Pinterest0Share on LinkedIn0Email this to someone

Lascia un commento

Sbilanciamoci.org I contenuti di questo sito sono rilasciati sotto licenza Creative Commons 3.0
Informativa sull'uso dei cookie
// Powered by Botiq.org