Una finanziaria della descrescita

E' possibile una finanziaria della decrescita? Dopo la provocazione e il dibattito dell'ultima estate contro il mito del PIL e della crescita a tutti i costi, Giulio Marcon ed Alessandro Messina in un articolo per Carta provano ad immaginare cosa potrebbe essere una "finanziaria della decrescita".

Bello perché non cresce. La decrescita e la finanziaria. E' possibile una finanziaria della decrescita? Dopo la provocazione e il dibattito dell'ultima estate contro il mito del PIL e della crescita a tutti i costi, Giulio Marcon ed Alessandro Messina in un articolo per Carta provano ad immaginare cosa potrebbe essere una "finanziaria della decrescita". Fanno i conti in tasca all'economia italiana e prospettano la riduzione di consumi ed investimenti soprattutto per quei settori dell'economia "non virtuosi": le attività finanziaria, l'industria bellica, i sussidi perversi alle imprese… ecc. Come ridurre il PIL e vivere meglio: questa l'idea di una diversa finanziaria per un'economia che decresce in produzioni e consumi dannosi e aumenta in qualità e diritti.(continua…)Fai clic qui per leggere il resto dell'articolo

Share on Facebook0Tweet about this on TwitterShare on Google+0Pin on Pinterest0Share on LinkedIn0Email this to someone

Lascia un commento

Sbilanciamoci.org I contenuti di questo sito sono rilasciati sotto licenza Creative Commons 3.0
Informativa sull'uso dei cookie
// Powered by Botiq.org