25-10-2005 – Cooperazione Internazionale: il 26 a Firenze il Forum alternativo


Comunicato Stampa – 25/10/2005

Sbilanciamoci!: "Senza cambio di rotta, addio Obiettivi del Millennio"
Cooperazione Internazionale: il 26 a Firenze il Forum alternativo
E il 27 presidio di protesta con le ONG toscane mentre in Palazzo Vecchio il Ministero celebra i successi italiani. "Trionfalismo smentito dalle cifre, l’Italia è all’ultimo posto nella classifica OCSE"

Mercoledì 26 si tiene a Firenze il Forum Alternativo della Cooperazione Internazionale organizzato dalla Campagna Sbilanciamoci! . Dalle 17.30 alle 20 alla Sala Incontri di Palazzo Vecchio interverranno rappresentanti delle associazioni, delle campagne, delle ONG, degli enti locali, dei sindacati, per parlare dello stato della cooperazione internazionale e chiedere al governo italiano di cambiare rotta nelle politiche di aiuto allo sviluppo.
I dati che emergono dal “Libro bianco sulla cooperazione allo sviluppo 2006”, che Sbilanciamoci! presenterà domani a Firenze, parlano chiaro. Nel momento in cui l’Aiuto Pubblico allo Sviluppo (APS) nel mondo è aumentato nel 2004 fino al livello più alto mai raggiunto – 78,6 miliardi di dollari, con un incremento del +4,6% tra il 2003 e il 2004, e del +4,3% tra il 2002 e il 2003 – la tendenza italiana è invece del tutto opposta: -15,3% dal 2002 al 2003 e -9,7% tra il 2003 e il 2004. L’Italia stanzia in cooperazione soltanto lo 0,15% del Pil e scende così tristementedal penultimo all’ultimo posto nella classifica dell’OCSE che considera il rapporto APS/PIL dei paesi industrializzati.

Per esprimere tutto il disaccordo con questa politica Sbilanciamoci! assieme alle ONG toscane ha organizzato anche unpresidio di protesta che si svolgerà la mattina del 27 dalle 8.30 alle 12 in piazza della Signoria, proprio quando dentro Palazzo Vecchio il Ministero italiano degli Affari Esteri celebrerà i ‘successi’ degli interventi italiani nel mondo durante l’apertura ufficiale delle Giornate della Cooperazione. “Un’iniziativa che il governo organizza per mettere in mostra i risultati ottenuti con la cooperazione allo sviluppo – dice Giulio Marcon, coordinatore della Campagna Sbilanciamoci! – ma riteniamo che non ci sia proprio niente da sbandierare. Si tratterà di un’iniziativa dal solo scopo promozionale imbottita di promesse che sembrano fatte apposta per essere disattese. I numeri ci mostrano il totale disinteresse italiano verso il raggiungimento degli Obiettivi del Millennio".

“La difficile congiuntura economica internazionale di questi anni non può essere un alibi”, continua Marcon. A questo riguardo analizzando i dati si osserva come altri Paesi dell’Unione Europea hanno significativamente incrementato le risorse per la cooperazione internazionale: la Spagna li ha raddoppiati, la Francia è arrivata allo 0,34%, mentre i Paesi del Centro e Nord Europa (Olanda, Danimarca, Svezia, Norvegia e Lussemburgo) hanno confermato quote superiori allo 0,7%, già raggiunto da alcuni anni. La storia del nostro paese è piena negli ultimi anni di patti sottoscritti e mai mantenuti. Uno su tutti: nel Consiglio Europeo di Bruxelles nel maggio 2005 gli stati membri si sono impegnati a raggiungere lo 0,51% entro il 2010 e lo 0,7% entro il 2015.

Share on Facebook0Tweet about this on TwitterShare on Google+0Pin on Pinterest0Share on LinkedIn0Email this to someone

Lascia un commento

Sbilanciamoci.org I contenuti di questo sito sono rilasciati sotto licenza Creative Commons 3.0
Informativa sull'uso dei cookie
// Powered by Botiq.org