11-10-2005 – Sbilanciamoci!: “Diritti sociali? Per il governo è roba che si compra”


Comunicato Stampa – 12/10/2005

Sbilanciamoci!: "Diritti sociali? Per il governo è roba che si compra"
La finanziaria sostiene mercato e previdenza privata a danno dello stato sociale.

Nell’analisi della campagna Sbilanciamoci! la finanziaria del 2006 avrà pesanti conseguenze sullo stato sociale e sui cittadini. Non solo per i tagli agli enti locali e alle regioni, che saranno costrette a ridurre i servizi sociali e di pubblica utilità, ma anche per la diminuzione del Fondo nazionale per le Politiche Sociali (-34 milioni) e il sostanziale azzeramento (-9 milioni) del Fondo per i progetti sperimentali a favore di persone con handicap grave. Continuano d’altra parte a calare gli stanziamenti per le politiche di integrazione e di accoglienza per gli immigrati e – soppresso il Reddito Minimo di Inserimento – nessun’altra forma di reddito sociale risulta prevista.

In compenso la finanziaria prevede uno stanziamento di 1 miliardo e 140 milioni per la famiglia, che con tutta probabilità (ancora non è stata decisa la destinazione) si risolverà in bonus per il secondogenito e per gli anziani poveri. "Si tratta di ‘oboli’ di natura elettorale che non risolvono i problemi delle famiglie e della povertà – afferma con decisione Giulio Marcon di Sbilanciamoci!Perché il governo non stanzia nemmeno un euro per gli asili nido pubblici, che alleggerirebbero la spesa delle famiglie costrette a ricorrere agli asili privati? Perché invece di distribuire elemosine non si attiva un serio fondo per la non autosufficienza e per l’assistenza domiciliare, in soccorso delle famiglie con anziani a carico, che spesso devono rivolgersi al mercato privato?".

Non solo: la finanziaria destina ben 1 miliardo e 572 milioni per l’avvio ed il sostegno alla previdenza privata, "facendo contente banche ed assicurazioni, e senza preoccuparsi del rilancio e della riforma della previdenza pubblica, o del sostegno alle pensioni minime e sociali. Sono scelte a favore del mercato e della beneficenza – conclude Marcon – mentre l’Italia ha bisogno di diritti, di solidarietà, di un serio rilancio del welfare e della spesa sociale."

La controfinanziaria di Sbilanciamoci sarà presentata il prossimo 18 ottobre in Parlamento.

Share on Facebook0Tweet about this on TwitterShare on Google+0Pin on Pinterest0Share on LinkedIn0Email this to someone

Lascia un commento

Sbilanciamoci.org I contenuti di questo sito sono rilasciati sotto licenza Creative Commons 3.0
Informativa sull'uso dei cookie
// Powered by Botiq.org