07-10-2005 – Cooperazione allo sviluppo: il governo taglia ancora


Comunicato Stampa – 07/10/2005

Cooperazione allo sviluppo: il governo taglia ancora
Sbilanciamoci! denuncia: "20% di risprse in meno". Il CINI: "Non rispettati gli Obiettivi del Millennio"

La Finanziaria taglia ancora la cooperazione allo sviluppo : calano di quasi il 20% le risorse "a dono". 400 milioni invece dei 552 del 2004 e nei prossimi anni le cose andranno ancora peggio: le risorse scenderanno a 390 milioni nel 2007 e a 380 milioni nel 2008.

Commenta così le scelte del governo la Campagna Sbilanciamoci!: “Nonostante i proclami fatti dal governo in questi anni (Berlusconi arrivò a promettere nel 2001 l’1% del PIL per la cooperazione allo sviluppo) – dice Giulio Marcon – e nonostante l’Italia occupi già l’ultimo posto dei paesi donatori dell’OCSE con la vergognosa percentuale dello 0,11% sul PIL,  il governo Berlusconi taglia in modo vergognoso la cooperazione allo sviluppo”.

“Da una parte – prosegue Marcon – solo promesse vacue e propagandistiche, dall’altra concreti tagli pesantissimi alle risorse per la lotta alla povertà nel mondo e agli aiuti ai paesi in via di sviluppo. La missione militare in Iraq costa 600 milioni all’anno e alla cooperazione allo sviluppo dell’Italia in tutto il mondo ne vengono riservati 400: queste le priorità della finanziaria di Berlusconi”.

A rafforzare le tesi di Sbilanciamoci! è anche Raffaele Salinari, portavoce del CINI, Coordinamento Italiano Network Internazionali (cartello che racchiude molte delle organizzazioni aderenti a Sbilanciamoci!) “Se nei prossimi mesi non assisteremo ad una nettissima inversione di tendenza – ha detto – nessuno degli impegni che il nostro paese ha preso rispetto agli Obiettivi del Millennio saranno rispettati, e questo farà dell’Italia stessa un paese in via di sviluppo”.

“La cooperazione allo sviluppo ormai è allo sbando più totale. – conclude Marcon – Si prendono i soldi destinati ai paesi poveri per coprire i buchi di bilancio fatti da Tremonti e dal governo. Il Ministero Affari Esteri assiste silente allo smantellamento dell’aiuto allo sviluppo, mentre senza pudore organizza in questi giorni le “Giornate della Cooperazione” in cui celebra i “fasti” della cooperazione allo sviluppo dell’Italia nel mondo”.

Share on Facebook0Tweet about this on TwitterShare on Google+0Pin on Pinterest0Share on LinkedIn0Email this to someone

Lascia un commento

Sbilanciamoci.org I contenuti di questo sito sono rilasciati sotto licenza Creative Commons 3.0
Informativa sull'uso dei cookie
// Powered by Botiq.org