01-09-2005 – Sbilanciamoci!: l’altra economia interroga la politica

Comunicato stampa – 01/09/2005

Sbilanciamoci!: l’altra economia interroga la politica
In serata, a trent’anni dalla scomparsa, riflessione sull’attualità del pensiero di Pier Paolo Pasolini
Si apre con un dibattito sulle derive del neoliberismo la III edizione del Forum "L’impresa di un’economia diversa". Marcon: "Mancano scelte coraggiose verso un nuovo modello di sviluppo".

Saranno Fausto Bertinotti e Rosy Bindi ad aprire la III edizione del Forum "L’impresa di un’economia diversa", la tradizionale contro-Cernobbio organizzata da Campagna Sbilanciamoci! che va in scena al Corviale di Roma dal 1° al 4 settembre 2005. "Verso un’economia neofeudale?" il titolo del dibattito di apertura.

"L’economia italiana ed il sistema delle imprese da anni stanno fuggendo verso la rendita, le speculazioni finanziarie, il corporativismo, dice Giulio Marcon, portavoce di Sbilanciamoci!. Mancano scelte coraggiose verso un diverso sistema di sviluppo e un ruolo delle imprese realmente responsabili di fronte alla comunità e al loro ruolo sociale. Scelte che anche la politica italiana non riesce a fare, priva com’è di un’idea nuova di sviluppo, fondato sulla sostenibilità e la qualità".

Al riguardo, campagna Sbilanciamoci ha da tempo elaborato proposte concrete. Continua Marcon: "E’ necessario adeguare la tassazione delle rendite finanziarie e introdurre un’imposizione ad hoc per le rendite derivanti dalle privatizzazioni. Allo stesso tempo va rivista la tassazione dei patrimoni immobiliari e sostenuta la revisione degli studi di settore e il rafforzamento della normativa sulle società di comodo. Altri atti necessari, che chiediamo alla politica, sono l’introduzione di una serie di tasse di scopo, per colpire consumi e produzioni dannose, e la promozione di una nuova politica per le imprese che sostenga le "imprese responsabili" e le forme di sviluppo locale e di autoimprenditorialità sociale."
Tra le altre proposte della Campagna Sbilanciamoci! interventi mirati nella ricerca, nel Sud, nelle aree deindustrializzate, per lo sviluppo ecosostenibile; l’introduzione di una legge sui distretti industriali; una maggiore trasparenza nel sostegno alle imprese all’estero; la reintroduzione di una vera punibilità del falso in bilancio.

Dopo i saluti di Piero Marrazzo (Presidente Regione Lazio) e Paolo Carrazza (Assessore alle Politiche per le Periferie, Comune di Roma), si confronteranno, fra gli altri: Gianfranco Bettin (Vice Presidente dei Verdi), Mauro Agostini (Vice Presidente gruppo dei DS alla Camera dei deputati), Luigi Nieri (Assessore al Bilancio della Regione Lazio) e Gianni Rinaldini (Segretario Generale della FIOM).

In serata, a trent’anni dalla morte di Pierpaolo Pasolini, una tavola rotonda di riflessione sul suo pensiero dal titolo "Sviluppo senza progresso", alla quale parteciperà, fra gli altri, il direttore de "Lo straniero" Goffredo Fofi. Si parlerà del rapporto fra Roma e le periferie della città nel contesto della critica pasoliniana dello "sviluppo" neocapitalistico dell’Italia degli anni ’60.

Share on Facebook0Tweet about this on TwitterShare on Google+0Pin on Pinterest0Share on LinkedIn0Email this to someone

Lascia un commento

Sbilanciamoci.org I contenuti di questo sito sono rilasciati sotto licenza Creative Commons 3.0
Informativa sull'uso dei cookie
// Powered by Botiq.org