14-10-2004 – Presentato a Roma il Rapporto 2005 della Campagna Sbilanciamoci!

CONTI ALLA MANO, UNA FINANZIARIA ALTERNATIVA È POSSIBILE

Presentato a Roma il Rapporto 2005 della Campagna Sbilanciamoci!

Roma, 14 ottobre – “Conti alla mano, una finanziaria alternativa è possibile.” Con queste parole Giulio Marcon, portavoce della Campagna Sbilanciamoci!, ha presentato presso la Camera dei Deputati il Rapporto 2005 ‘Cambiamo finanziaria. Le proposte di Sbilanciamoci!’. “Ci siamo impegnati per dotare il nostro paese di una legge finanziaria che promuova i diritti, la pace e la tutela dell’ambiente – continua Marcon – abbiamo elaborato proposte utili alla definizione di un modello di sviluppo nuovo, di qualità. L’altrafinanziaria, elaborata dalle organizzazioni della società civile, propone un percorso realistico per fronteggiare il declino italiano e le crescenti disuguaglianze tra il Nord e il Sud del mondo. Le attuali politiche economiche proposte dal Governo sono anacronistiche, è necessario per questo cambiare rotta a favore di una visione fondata non più sui vecchi parametri quantitativi legati al PIL, ma sugli indicatori di benessere, un nuovo modo di misurare la qualità dello sviluppo, un metodo utile a ridefinire il concetto di modernità nel nostro paese.”

Per sostenere questo cambio di prospettiva la Campagna Sbilanciamoci! lancia sul sito www.sbilanciamoci.org una petizione in favore di politiche sociali ed economiche alternative. “La legge finanziaria è il principale appuntamento di politica economica e finanziaria – afferma Marcon – crediamo sia necessario un maggiore coinvolgimento delle forze sociali del paese nella sua definizione. La spesa pubblica infatti non è una iattura, ma uno strumento di sviluppo e solidarietà. Il fisco non è un “male in sé”, ma un’importante risorsa per dare coesione, risposte concrete e futuro ad una comunità; uno sviluppo economico diverso non solo è possibile, ma deve essere costruito al più presto.”

Le proposte di Sbilanciamoci! nascono da una campagna ricca, composita, promossa da tante realtà della società civile che sono impegnate quotidianamente su temi anche molto diversi tra loro. Il risultato è una manovra innovativa, con alcune proposte avanzate che possono così essere riassunte:

  • utilizzo della leva fiscale progressivo, equo e capace di orientare i consumi in contrapposizione al tormentone della riduzione delle tasse a tutti i costi;
  • riduzione drastica delle spese militari per evidenziare il nostro più profondo no alla guerra e ai soldi ad essa destinati;
  • provvedimenti utili al finanziamento delle economie solidali;
  • sostegno del welfare, delle politiche di pace e di cooperazione internazionale, delle politiche ambientali.

 

Share on Facebook0Tweet about this on TwitterShare on Google+0Pin on Pinterest0Share on LinkedIn0Email this to someone

Lascia un commento

Sbilanciamoci.org I contenuti di questo sito sono rilasciati sotto licenza Creative Commons 3.0
Informativa sull'uso dei cookie
// Powered by Botiq.org